Il Coordinamento
Sabato 09 Ottobre 2010 15:48

dal1985

Il Coordinamento del Volontariato della Castellana è nato nel 1985 (considerando anche il "vecchio" Coordinamento del Volontariato di Castelfranco) ed ha come finalità statutarie: promuovere e sostenere, in ogni ambito, iniziative di solidarietà e di impegno ambientale e culturale. L’Associazione di volontariato Coordinamento del Volontariato della Castellana persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale. In base allo statuto dell’associazione, il Coordinamento ha la finalità di coordinare e collegare i gruppi, le associazioni e le organizzazioni di volontariato del territorio di Castelfranco Veneto e dei Comuni limitrofi.

Le organizzazioni di volontariato sono associazioni che svolgono attività concrete di sostegno a soggetti in difficoltà (che non siano i soci dell’associazione) oppure di tutela dell’ambiente e dei beni culturali o di protezione civile. Tutte le organizzazioni di volontariato sono di diritto Onlus. Questa qualifica è valida prevalentemente a fini fiscali perché consente particolari esenzioni e agevolazioni. Alcuni enti privati possono richiedere di essere qualificati come Onlus se svolgono attività rientranti negli ambiti previsti nel Decreto Legislativo 460/97. Tra queste associazioni rientrano le associazioni di promozione sociale. Si tratta di associazioni, movimenti, gruppi, coordinamenti o federazioni che svolgono attività considerate di utilità sociale, anche nei confronti dei loro soci, senza finalità di lucro.

A chi ci rivolgiamo?

  • Alle associazioni di volontariato che svolgono attività concrete di sostegno ai soggetti in difficoltà, oppure di tutela dell’ambiente e dei beni culturali o di protezione civile.
  • Le associazioni di promozione sociale, movimenti, gruppi informali, coordinamenti o federazioni che svolgono attività considerate di utilità sociale, anche nei confronti dei loro soci, senza finalità di lucro.

Perché affiliarsi?

Grazie allo studio dell'importante apporto delle associazioni al Coordinamento, è possibile delineare un quadro realistico del contributo che le stesse forniscono al territorio.
Il continuo confronto e scambio di esperienze tra i soggetti che operano in ambiti molto eterogenei, permette la conoscenza approfondita e trasversale delle varie problematiche.
Ciò consente l'elaborazione di progetti unitari e servizi più incisivi capaci di interessare più organismi aderenti. Il tutto nel rispetto dell'autonomia di ogni singola organizzazione.