Newsletter n.33/2015
Mercoledì 03 Febbraio 2016 11:09

1.                   Ricordiamo  che nel mese di Ottobre si deve inviare la documentazione al Comune di Castelfranco, ufficio famiglia (relazione attività associazione e bilancio)  per rimanere inseriti  nell'Albo delle Associazioni.  Siamo a disposizione per il disbrigo pratica e consegna

2.                    Martedì 27 Ottobre: “Migranti problema e risorsa” – ore 20:45 – presso la sala S. Pio X a Treviso in Borgo Cavour, 40. Una riflessione su come un problema oggettivo possa assumere anche i connotati della risorsa, nel medio lungo periodo, per un’intera comunità

3.                    Martedì 27 Ottobre: “Castelfranco per INDIA” – ore 20:45 – presso Sala P. Guidolin, biblioteca comunale di Castelfranco Veneto

4.                    Giovedì 29 Ottobre: “Tecniche di primo soccorso” – ore 20:30 - presso Sala piano Terra Municipio di Riese Pio X

5.                    Sabato 31 Ottobre: “La famiglia costruttrice di fiducia sociale” – ore 09:30 – presso la sede dell’Università in Riviera Garibaldi a Treviso

6.                    Martedì 07 Novembre: “Il Veneto visto dal cinema” – ore 21:00 – presso Patronato di Treville. Ingresso gratuito;

7.                    Sabato 14 Novembre: “Giornata mondiale ONU” dedicata alle vittime della strada

8.                    Mercoledì 18 Novembre: “Corsi di autodifesa per donne” – dalle ore 19:00 – presso la palestra delle scuole elementari “Zona Est”, Via Puccini a Castelfranco Veneto;

9.                    Sabato 28 Novembre: “Ogni 8 minuti” Spettacolo teatrale degli studenti del  Cornaro “Teatro Corner” – dalle ore 16:00 alle 18:00  In occasione della giornata Internazionale del Volontariato 2015 sul tema della violenza di genere attraverso uno spettacolo teatrale.

Si chiamavano Pierina, Nina, Alessandra, Enza, Sabrina…

Nel mondo viene assassinata una donna ogni 8 minuti. In Italia ogni 2-3 giorni. Nel mondo otto donne al minuto subiscono violenze fisiche  o psicologiche. Il 70% degli assassini sono mariti, fidanzati, compagni o ex compagni di vita.

Li chiamano delitti “passionali”, ma è sbagliato. Non si tratta di amore, né di passione: semmai di ignoranza, di cultura del possesso, del “mia o di nessuno”.

Nel 2014 l’Europa è immersa nella stagnazione economica,  in Italia si parla ormai di recessione e ovunque soffia più forte il vento del razzismo e della misoginia.

Lo spettacolo affronta una delle più drammatiche emergenze del nostro tempo, con la convinzione che l’Italia è terra di passioni vere. Ma chi uccide non ne ha.

Regia: Massimo Farina testo di Loredana D’Alesio